IL FILO CHE UNISCE

“Il filo che unisce” è un’iniziativa nata a Trivento, in Molise, dove lo scorso Natale è stato costruito un albero grandioso fatto interamente di “mattonelle” all’uncinetto. Pensata per rendere più visibile un paese in via di spopolamento, è sfociata poi in una grande opera di beneficenza (il ricavato della vendita delle singole mattonelle è stato devoluto alla ricerca sulla SMA).

Dalla suggestione di tale esperienza è partita la volontà contagiosa di una mamma del nostro istituto, Federica Merli, che ha coinvolto singole persone, associazioni di volontariato e bambini della nostra scuola primaria, affinché venisse realizzato qualcosa di altrettanto straordinario nel nostro paese: l’albero all’uncinetto di piazza Zanti e gli alberelli decorati dai disegni dei bambini.

Gli obiettivi raggiunti sono molti più di quelli che si vedono con gli occhi, perché l’Albero e gli alberelli non solo hanno reso la nostra piazza un tripudio di colori, ma hanno contribuito anche a rafforzare il senso di appartenenza, a intrecciare relazioni, a unire energie e - nel caso della scuola - a coltivare il seme della partecipazione e della cittadinanza attiva.

Ma dove finiranno questi alberelli? Si sta facendo strada l’idea di donarli ai reparti di pediatria degli ospedali di Reggio, Montecchio e Parma.

Guardandoli tutti insieme, i nostri piccoli alberi, così diversi e proprio per questo così straordinariamente belli, noi maestre sentiamo di dover ringraziare la dirigente per aver consentito questo “intreccio” con “Il filo che unisce”, e tutte le persone (genitori, volontari, cittadini…) che hanno favorito la nostra collaborazione. Infine, un grazie speciale va all’impegno e alla fantasia dei nostri bambini.

Pubblicata il 09 dicembre 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.